Donne interpreti della Bibbia nell’Italia della prima età moderna

  • Recherche,

Comunità ermeneutiche e riscritture

Opere di donne basate sulla Bibbia nell’Italia dal Quattrocento al Seicento


Lien vers l'éditeur

La Bibbia ha rappresentato il libro più familiare per le donne nella prima età moderna e proprio in ambito religioso le donne italiane hanno maggiormente fatto sentire la loro voce. Tuttavia non solo le testimonianze sono scarse, ma anche gli studi hanno trascurato questo interessantissimo campo. Il volume studia le modalità con cui le donne in Italia hanno preso parte al vivissimo dibattito rinascimentale sull’interpretazione e la conoscenza delle Sacre Scritture, da cui hanno anche attinto per sviluppare originali interventi. Sulla base delle riscritture bibliche che ci hanno lasciato, sono individuabili vere e proprie comunità ermeneutiche femminili. Venezia, Firenze, il Centro Italia sono le coordinate geografiche dei circoli qui individuati. A Firenze le scrittrici che lavorano con e sulla Bibbia prediligono il rapporto con la comunità politica, suggerendo modelli comportamentali che possono istruire le donne per il loro inserimento nella società civile. A Venezia la Bibbia ispira argomenti a difesa della dignità femminile e della parità dei generi, infatti sull’episodio edenico sono state fondate coraggiose letture che incisero significativamente nella cosiddetta querelle des femmes europea. Nell’Italia centrale l’interesse femminile si focalizza su una dimensione più devozionale e spirituale, sul problema della salvezza per il beneficio di Cristo, sulla versificazione e sul commento dei Salmi. Con questo studio si intende portare in giusta luce il contributo delle donne italiane al dibattito culturale e religioso nell’età delle Riforme e mostrare la modernità e vivacità delle loro posizioni oltre che recuperarne il valore letterario e intellettuale.

  • Dates
    Paru le 4 novembre 2020, Créé le 4 novembre 2020
  • Auteur(s)

    Erminia Ardissino (Ph.D., Yale University, Dottorato, Università Cattolica, Milano) è professore associato presso l’Università di Torino. Ha insegnato anche in diverse università statunitensi. Si occupa prevalentemente della letteratura da Dante al Seicento, con particolare attenzione al rapporto con la storia delle idee e l’esperienza religiosa, su cui ha pubblicato numerosi contributi. Tra le sue pubblicazioni vi sono anche edizioni critiche di testi antichi e saggi sulla didattica della letteratura e dell’Italiano per stranieri. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti.

  • Éditeur
    Brepols Publishers « Études Renaissantes », n°33